DT Coin Cos’è

Negli ultimi anni, si sta assestando sempre di più la presenza delle Monete Digitali nel sistema economico mondiale. Bitcoin in testa, via via hanno preso piede anche altre criptovalute come Ethereum, Ripple, Monero (solo per citarne qualcuna): monete virtuali con le quali è possibile effettuare transazioni su internet in forma anonima e svincolata da qualunque Ente centrale di controllo che ne sancisca il valore. Le transazioni con criptovalute sono anche sicure, grazie al sistema Blockchain che, avvalendosi della protocollo peer-to-peer, ne avvalora le operazioni. Come funziona il sistema Blockchain e che ruolo ha all’interno della transazioni effettuate con DT Coin?

Come intuibile, Blockchain e DT Coin sono strettamente collegate. Andiamo quindi a scoprire innanzitutto cos’è il blockchain e il suo funzionamento a grandi linee, offrendo alcune opinioni. Immaginate di dover effettuare una transazione su internet con moneta virtuale (ad esempio il bitcoin): nel momento in cui un possessore di criptovaluta effettua la transazione, questa viene notificata a tutti gli altri ‘blocchi’ presenti nella Blockchain (che letteralmente significa per l’appunto ‘catena di blocchi’). Per ‘blocchi’ si intendono tutti i dispositivi dei possessori di moneta digitale collegati. Ai  nodi della Blockchain quindi, viene inviato un quesito crittografato che dovrà essere risolto e rinviato (poichè si tratta di quesiti molto complicati, è necessario che un solo dispositivo lo risolva trasmettendo poi agli altri collegati la soluzione). Questo sistema risulta enormemente efficace, perché fa sì che non solo venga convalidata la transazione di bitcoin, ma anche che venga tenuta traccia – in modo sicuro e in forma anonima – delle movimentazioni di moneta virtuale. In sostanza, il Blockchain sfrutta la tecnologia ‘peer-to-peer’, contribuendo a stabilire una reale democrazia economica su internet.

DT Coin: il valore dei propri dati

Avete idea di quale possa essere il valore dei vostri dati che circolano su internet? La risposta è quasi scontata: un valore altissimo. Basti pensare alle aziende che, in tutto il mondo, si contendono dati preziosi come i gusti personali di ognuno di noi (gusti che quotidianamente palesiamo attraverso i social network, ad esempio). Lo scopo è quello di poter indirizzare meglio il marketing e quindi l’economia. Ed è proprio in virtù del grande valore dei nostri dati su internet, che gli ideatori della criptovaluta DT Coin si sono basati per offrire uno strumento realmente democratico ed arricchente per tutti. Come funziona il DT Coin? Le recensioni parlano chiaro: si tratta della vera moneta digitale del futuro, in quanto si basa sul traffico di dati generati e raccolti e sull’offerta-richiesta. Non a caso, il DT Coin è sostenuto dal mercato dei Big Data, il che rende il prezzo di questa criptovaluta stabile. Dove si può spendere il DT Coin? Per spendere questa moneta virtuale, ci sono diverse possibilità: o all’interno del DT Circle (ecosistema creato ad hoc che, basandosi sul protocollo blockchain, offre una serie di shop online e offline che accettano transazioni in DT Coin per l’acquisto di beni materiali), o all’esterno, con attività che accettano come mezzo di pagamento il DT Coin. Insomma, è opinione generale che ci troviamo al cospetto di una vera e propria innovazione nel mondo delle monete virtuali!  

Opinioni Monete Digitali

Se l’economia mondiale e i mercati che la regolano ci appaiono come un po’ asfittici, una ventata di aria fresca può essere rappresentata sicuramente dalle Monete Digitali. O criptomonete, se preferite. Quali sono le opinioni circa queste monete digitali ormai così diffuse? Innanzitutto, partiamo dal principio: pioniera delle monete virtuali è stata bitcoin che, fin dal 2009 (anno in cui è stata immessa in circolo su internet, ad opera del suo creatore che si fa identificare con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto), ha visto il suo valore accrescersi anno dopo anno, fino ad arrivare oggi ad essere considerata una valuta a tutti gli effetti – benchè le transazioni avvengano solo su internet – in quanto consente di acquistare beni materiali. In definitiva,  le monete digitali hanno iniziato a comparire in maniera più importante all’interno del panorama economico globale e di fatto molte di queste – bitcoin in primis – sono state incluse in molte piattaforme di Forex Trading. Ma quali sono le criptovalute attualmente in circolazione? E quali sono le opinioni a riguardo?

Le monete digitali più interessanti in circolazione

leggendo in giro un po’ di recensioni, emergono alcune monete virtuali su tutte. Si tratta di criptovalute che, sulla scia di bitcoin, ne interpretano al meglio le caratteristiche tecniche e la valenza economica. In cima alla lista, non si può non menzionare Ethereum, una moneta digitale che abbraccia come bitcoin il sistema peer-to-peer del Blockchain. Ma, a differenza di questo, il creatore di Ethereum (Vitalik Buterin), si è concentrato nel superamento di alcuni limiti tecnici ravvisabili nel network blockchain utilizzato da bitcoin, rendendo la transazioni con la sua moneta virtuale ancora più semplici e sicure. Ma le opinioni a favore delle monete virtuali, indicano come interessante anche il Litecoin. Nata subito dopo bitcoin, Litecoin offre una velocità di blocco delle transazioni maggiore rispetto il bitcoin e questo già la rende più innovativa. E’ grazie alla tecnologia utilizzata da Litecoin, se molte delle criptovalute in circolazione sono nate. Litecoin è ad oggi una delle monete virtuali più scambiate al mondo, seconda solo a bitcoin ed Ethereum. Infine, tra le monete digitali in ascesa più interessanti, troviamo il Dash – nome che in origine era Darkcoin -. Il Dash si presenta molto simile al bitcoin, ma a differenza di questo offre ai suoi possessori maggiore riservatezza e segretezza nelle transazioni. Queste si muovono su una rete di mastercode decentralizzata e tutto il sistema contribuisce a proteggere l’anonimato dei suoi utilizzatori.